Dal 2000 ad oggi 2000 -   Quattro   multinazionali   dominano   il   mercato   mondiale   degli   OGM:   la   Monsanto,   statunitense,   detiene,   da   sola,   il   91% delle   superfici   coltivate   con   piante   OGM,   Syngenta   (prima   Novartis/AstraZeneca), Aventis   CropScience   (prima AgrEvo, adesso acquistata dalla Bayer) e Dupont producono praticamente tutte le altre coltivazioni commerciali di colture OGM. -   Per   la   prima   volta   l’uso   di   sementi   transgeniche   è   diminuito   all’incirca   di   un   quarto. Tra   il   1996   e   il   ‘99,   l’area   coltivata   a sementi   transgeniche   si   è   moltiplicata   per   venti.   La   crescita   si   è   arrestata   perché   i   consumatori   sono   diffidenti.   In Europa   occidentale,   uno   dei   primi   mercati   per   le   esportazioni   nord   americane,   diverse   catene   di   distribuzione   hanno cominciato a eliminare i prodotti con ingredienti transgenici. La stessa cosa accade anche in Giappone. -   44   americani   che   hanno   consumato   prodotti   contenenti   “per   errore”   mais   OGM   destinato   all’alimentazione   di   maiali   e mucche   (Starlink   prodotto   dalla   Aventis   contenente   una   proteina   insetticida   potenzialmente   allergenica)   sono   stati ricoverati per shock anafilattico, prurito, vomito e diarrea. 2001 -   Un   giudice   canadese   condanna   l'agricoltore   Percy   Schmeiser   per   aver   violato   le   leggi   sul   brevetto   della   colza   OGM. Schmeiser   è   una   vittima   dell'inquinamento   genetico,   infatti   il   polline   della   colza   OGM   dei   campi   vicini   ha   invaso   le   sue piantagioni,   contaminandole.   Nonostante   ciò   viene   condannato   a   pagare   10,000$   alla   Monsanto   per   le   licenze   e   fino   a 75,000$   per   i   profitti   delle   piantagioni   non   volutamente   OGM   del   1998.   La   Monsanto   impiega   degli   investigatori   per scoprire   e   portare   nei   tribunali   coloro   che   conservano   i   suoi   semi   OGM   per   l’anno   successivo.   La   legge   canadese, come   quella   statunitense   e   di   molti   altri   paesi   industrializzati,   vieta   agli   agricoltori   di   riutilizzare   i   semi   brevettati   o coltivarli   senza   firmare   un   contratto   con   la   multinazionale   che   ne   detiene   il   brevetto.   La   sentenza   contro   Schmeiser significa   che   gli   agricoltori   di   tutto   il   mondo   possono   essere   costretti   dalle   multinazionali   a   pagare   le   royalty   sui   semi OGM   cresciuti   nei   loro   terreni   a   causa   della   contaminazione   genetica   derivante   dal   polline   trasportato   dal   vento   o   dagli insetti. - La compagnia biotecnologica Epicyte di San Diego crea il mais contraccettivo. 2002 -   L’Associazione   S.U.M.   -   Stati   Uniti   del   Mondo,   insieme   al   prof.   M.   D.   Nanjundaswamy,   fonda   in   India,   nello   stato   del Karnataka,   il   Centro   Internazionale   per   lo   Sviluppo   Sostenibile   “AMRITA   BHOOMI   –   PIANETA   IMMORTALE”,   come risposta   alla   diffusione   degli   OGM.   Uno   degli   obiettivi   del   Centro   è   la   creazione   di   una   Banca   di   semi   originari   per salvaguardare,   produrre   e   distribuire   i   semi   originari   puri,   non   ibridi   e   non   manipolati   geneticamente,   che   i   contadini possono   conservare   ogni   anno   per   la   semina   successiva,   evitando   i   pericolosi   ed   infruttiferi   semi   transgenici   (OGM) che stanno causando migliaia di morti nell’intera India. -   Viene   pubblicato   il   libro   “I   semi   del   dubbio”   (di   Hugh   Warwick   e   Gundula   Meziani   -   Soil   Association   –   UK)   che raccoglie    le    esperienze    degli    agricoltori    Nord    Americani    con    le    colture    OGM.    I    fatti    riportati    evidenziano    che praticamente   nessuno   dei   benefici   attribuiti   dalle   multinazionali   biotech   alle   colture   OGM,   si   è   verificato.   Anzi,   gli agricoltori   stanno   segnalando   un   aumento   dei   costi   di   produzione   (è   stato   calcolato   che   la   spesa   per   i   semi   aumenta dal   25   al   40%   per   acro)   raccolti   minori,   una   continua   dipendenza   da   erbicidi   e   pesticidi,   difficoltà   nella   vendita   dei prodotti e guadagni ridotti. Inoltre in tutto il Nord America gli OGM sono diventati un vero e proprio incubo per i contadini che   vogliono   tenere   le   loro   coltivazioni   incontaminate   da   OGM.   La   contaminazione   da   OGM   può   derivare   dal   polline trasportato   dal   vento   o   dagli   insetti,   così   come   dalla   caduta   dei   semi   lungo   la   strada.   Forti   venti   possono   spostare   i   semi anche a distanze considerevoli, le api trasportano il polline volando fino a distanze di tre chilometri. -   Il   Presidente   dello   Zambia   blocca   il   cibo   OGM   inviato   dagli   Stati   Uniti,   già   entrato   nel   paese   come   “aiuto   umanitario”   e ne   vieta   la   distribuzione.   Lo   Zambia   respinge   così   con   grande   coraggio   e   determinazione   il   ricatto   degli   Stati   Uniti: mangia OGM o muori di fame.   2003 -   Gli   Stati   Uniti,   insieme   a   Canada   e Argentina   presentano   un   ricorso   formale   presso   l'OMC   (Organizzazione   Mondiale del   Commercio)   contro   la   moratoria   dell'Unione   Europea   sugli   OGM.   I   tre   paesi   sostengono   che   la   moratoria   ha   creato una   “ingiusta   discriminazione”   verso   i   prodotti   transgenici,   che   ha   determinato   ingenti   danni   per   i   loro   agricoltori, fortemente   preoccupati   per   l’esportazione   delle   loro   produzioni   transgeniche   non   solo   verso   il   mercato   comunitario (dove    devono    fronteggiare    la    forte    opposizione    dei    consumatori    europei),    ma    soprattutto    nel    resto    del    mercato internazionale   che   rischia   di   seguire   l’esempio   europeo.   Il   Presidente   Bush,   in   una   conferenza   stampa,   accusa   la moratoria   dell'Unione   Europea   sull’approvazione   dei   prodotti   OGM   di   essere   una   causa   di   morte   per   fame   in   Africa. “Basandosi   su   timori   infondati   e   non   scientifici   -   ha   spiegato   Bush   -   molti   governi   europei   hanno   bloccato   l'importazione di   tutte   le   nuove   colture   biotecnologiche.   A   causa   di   questi   ostacoli   artificiali,   molte   nazioni   africane   rinunciano   a investire in biotecnologia, preoccupate che i loro prodotti rimangano esclusi da importanti mercati europei.” -    L’Unione    Europea    approva    i    nuovi    regolamenti    sulla    commercializzazione    di    alimenti    e    mangimi    modificati geneticamente   e   sulla   tracciabilità   (indicazione   delle   fasi   di   realizzazione   del   prodotto   e   delle   aziende   che   hanno partecipato   alla   produzione   e   ne   hanno   quindi   la   responsabilità)   ed   etichettatura   dei   prodotti   OGM.   Le   nuove   norme prevedono   soglie   di   tolleranza   sotto   le   quali   non   è   obbligatorio   etichettare   la   presenza   di   OGM   negli   alimenti   e   nei mangimi   (0,9%   per   gli   OGM   autorizzati   nell’UE   e   0,5%,   addirittura   per   quelli   “non   autorizzati”),   compromettendo   di   fatto la   libertà   di   scelta   dei   consumatori   europei   di   cui   l’80%   si   dichiara   contrario   ai   cibi   transgenici.   Inoltre,   il   superamento   di una   soglia   di   tolleranza   risulta   molto   difficile   da   stabilire   poiché   le   tecniche   di   analisi   “quantitative”   sono      complicate   e imprecise.    Oltre    a    questo    i    nuovi    regolamenti    europei    prevedono    la    possibilità    di    “coesistenza”    tra    coltivazioni transgeniche,   biologiche   e   tradizionali.   Possono   quindi   essere   autorizzate   semine   di   OGM   e/o   “tolleranze   di   sementi OGM nelle varietà di semi non modificati geneticamente”. -   In   Piemonte   vengono   distrutti   381   ettari   di   mais   geneticamente   modificato.   I   contadini   piemontesi   sono   stati   tratti   in inganno dalle multinazionali del seme che non avevano segnalato la presenza di OGM nei loro prodotti. -    Venticinque    noti    scienziati    di    sette    diversi    paesi,    (specialisti    in    discipline    quali    agroecologia,    agronomia, biomatematica,   botanica,   chimica   medica,   ecologia,   istopatologia,   ecologia   microbica,   genetica   molecolare,   biochimica nutrizionale,   fisiologia,   tossicologia   e   virologia)   si   uniscono   per   costituire   un   gruppo   di   ricerca   indipendente   sugli   OGM (ISP   -   Independent   Science   Panel).   Il   15   giugno   2003   l’ISP   rende   pubblico   il   rapporto   “The   Case   for   a   GM-free Sustainable   World”   (Per   un   mondo   sostenibile,   libero   da   OGM),   in   cui   chiede   di   vietare   le   colture   OGM   e   promuovere invece   ogni   forma   di   agricoltura   sostenibile.   Questo   autorevole   rapporto,   è   stato   presentato   come   “il   più   forte   e   il   più completo   dossier   di   prove   sperimentali”   mai   compilato   sui   rischi   e   i   problemi   connessi   con   le   colture   OGM,   da   un   lato,   e dall’altro sui molteplici benefici dell’agricoltura sostenibile.     2004 -   L’Europa   apre   le   porte   agli   OGM.   Diventano   operativi   i   due   nuovi   regolamenti   europei   sui   prodotti   OGM   e   l’Europa pone    fine    alla    moratoria    autorizzando    la    commercializzazione    del    Mais    Bt    11,    prodotto    dalla    Syngenta,    per    la produzione   di   alimenti   e/o   mangimi.   Molti   ricercatori   indipendenti   hanno   già   denunciato   che   le   tossine   Bt   presenti   nelle piante   modificate   geneticamente   con   il   gene   del   Bacillus   Turingensis   sono   pericolose   per   la   salute.   Successivamente vengono   autorizzate   altre   quattro   varietà   di   mais   e   due   di   colza   OGM.   Inoltre   nel   mercato   europeo   erano   già   entrati,   in accordo   con   il   Regolamento   CE   258/1997   sui   nuovi   prodotti   e   nuovi   ingredienti   alimentari,   una   serie   di   prodotti   derivati da   OGM,   ma   non   contenenti   OGM,   ovvero   sostanze   prodotte   a   partire   da   piante   geneticamente   modificate,   ma   non contenenti la modifica genetica introdotta: oli di soia e di colza, amido di mais, lecitina di soia ecc. - Dodici mucche da latte muoiono in Germania dopo essere state nutrite con mais Bt 176 prodotto dalla Syngenta. C’è il forte   sospetto   che   la   causa   della   morte   delle   mucche   in   Germania   sia   la   proteina   Cry1AB   (una   tossina   Bt)   contenuta   nel Mais Bt 176, la stessa che, come dichiarato dalla Syngenta, è presente anche nel mais Bt -11. -   Tre   scienziati   si   dimettono   dal   Comitato   Scientifico   di   Analisi   sugli   OGM,   costituito   dal   governo   di   Tony   Blair   per   dire l'ultima   parola   sulla   sicurezza   delle   coltivazioni   di   OGM,   accusandola   apertamente   di   essere   totalmente   schierata   a favore del biotech e di subire le intimidazioni della Monsanto. -   2a   Conferenza   Nazionale   dei   Comuni   Antitransgenici   ad   Asti.   Le   amministrazioni   comunali,   provinciali,   regionali, comunità   montane,   ecc.   che   hanno   emesso   delibere   od   ordinanze   a   protezione   dei   loro   territori   dagli   OGM   sono diventate circa 500 e coprono quasi il 70% del territorio nazionale. 2005 -   Lo   stato   indiano   dell’Andhra   Pradesh,   che   produce   più   del   62%   della   produzione   totale   di   cotone   di   tutta   l’India,   vieta alla   multinazionale   produttrice   di   semi   transgenici   Monsanto   di   promuovere   e   commercializzare   le   sue   varietà   di   cotone Bt   e   di   effettuare   sperimentazioni   in   campo   aperto   all’interno   del   proprio   territorio.   L’Andhra   Pradesh   ha   preso   questa decisione   perché   il   cotone   Bt,   che   si   è   rivelato   un   fallimento   su   tutti   i   fronti   (produttività,   costi   di   produzione,   profitto   e resistenza   ai   parassiti)   ha   rovinato   la   vita   dei   piccoli   contadini,   aggravando   l’epidemia   di   suicidi   che   già   da   molti   anni,   a causa   della   diffusione   dei   semi   ibridi   e   dell’introduzione   del   libero   mercato,   sconvolge   l’India   rurale.   Sono   più   di   100.000 i   contadini   indiani   che   hanno   scelto   il   suicidio   come   unica   possibile   via   d’uscita   al   fallimento   del   raccolto   per   aver utilizzato   semi   OGM.Il   cotone   Bt   si   rivela   fallimentare   su   tutti   i   fronti   non   solo   in   India,   ma   anche   in   tutti   gli   altri      paesi   in cui è stato coltivato (Australia, USA, Messico, Argentina, Cina, Colombia, Indonesia e Sudafrica). -   Il   tribunale   d’Orléans   (Francia)   assolve   i   49   ambientalisti   francesi   che   nel   2004   avevano   falciato   un   campo   di   mais OGM   della   Monsanto,   situato   nel   dipartimento   del   Loiret,   come   azione   di   lotta   non   violenta   contro   le   coltivazioni   OGM. La   Corte   di   Orleans   afferma:   “Gli   imputati   hanno   attentato   a   beni   di   terzi   per   rispondere   ad   uno   stato   di   emergenza   che deriva   dalla   diffusione   incontrollata   di   organismi   geneticamente   modificati.   Questi   –   affermano   i   giudici   –   rappresentano un    pericolo    imminente    per    terzi,    nel    senso    che    potrebbero    essere    fonte    di    contaminazione    o    inquinamento    non desiderati”.   Il   tribunale   di   Orlèans   riconosce   lo   "stato   di   necessità"   e   cita   la   Charte   de   l'environnement   (Statuto dell'ambiente), ora inserita nella costituzione della Repubblica francese .   2006 -   Il   tribunale   di   Versailles   (Francia)   assolve   i   nove   membri   del   sindacato   agricolo   “Confédération   paysanne,   incriminati nel   luglio   2003   per   avere   falciato   un   campo   di   mais   OGM,   come   azione   di   lotta   non   violenta   contro   le   coltivazioni   OGM. Per   la   corte   hanno   agito   "in   stato   di   necessità”.   Sono   respinte   le   domande   di   indennizzo   e   interessi   presentate   dalle parti   civili   (le   società   Pioneer,   Monsanto   e   il   gruppo   d'interesse   pubblico   Geves).   La   decisione   del   tribunale   di   Versailles conferma   la   sentenza   precedente,   pronunciata   il   9   dicembre   2005   dal   tribunale   di   Orlèans:   anche   in   quel   caso   il tribunale aveva riconosciuto lo "stato di necessità”. -   Vengono   pubblicati   i   risultati   dello   studio   “Impatto   del   cotone   Bt   sulla   salute   dei   contadini”   condotto   in   India   nei   distretti Barwani    e    Dhar    dello    stato    del    Madhya    Pradesh,    nei    mesi    ottobre,    novembre    e    dicembre    2005.    La    ricerca    ha evidenziato    che    i    lavoratori    agricoli    che    avevano    raccolto    cotone    OGM    Bt    soffrivano    di    gravi    reazioni    cutanee, caratterizzate   da   pruriti   ed   eruzioni   con   vesciche   che   lasciavano   uno   scolorimento   della   pelle   scura   ancora   evidente   a distanza   di   cinque   mesi.   Inoltre,   in   varie   parti   del   mondo,   si   segnalano   morie   di   pecore   e   capre   che   hanno   pascolato   sui campi di cotone Bt. 2007 -   Il   "Department   of   Biological   Sciences,   Simon   Fraser   University"   della      British   Columbia   in   Canada,   studiando   il comportamento   delle   api   nei   campi   coltivati   con   colza   OGM,   ha   scoperto   che   in   questi   campi   si   è   verificata   una   forte riduzione   del   numero   delle   api   presenti   e   un   altrettanto   forte   deficit   nell'attività   di   impollinazione.   La   ricerca   canadese   è una   nuova   prova   che   si   aggiunge   ad   altri   studi   in   cui   la   morte   di   un   numero   crescente   di   api   risulta   collegata   agli   OGM. Le   analisi   dell'Università   di   Iena   in   Germania   confermano   che   le   api   muoiono   a   causa   di   un   gene   utilizzato   nella modificazione della colza OGM. -   La   Commissione   Europea   autorizza   la   commercializzazione   di   una   nuova   varietà   di   barbabietola   da   zucchero   e   tre nuove   varietà   di   mais   per   l’alimentazione   umana   e   animale.   Il   rischio   di   trovare   gli   OGM   nel   piatto   aumenta   in   quanto non c’è l’obbligo di segnalare in etichetta la quantità di OGM contenuta nei prodotti alimentari se non supera  lo 0,9%. -   La   Commissione   Europea   autorizza   la   commercializzazione   di   due   nuove   varietà   di   colza   OGM   per   l'alimentazione   del bestiame   e   per   scopi   industriali.   La   presenza   di   OGM   nei   mangimi   animali   è   ancora   più   pericolosa   perchè   non   è controllabile.   Non   è   infatti   previsto   l’obbligo   di   etichettatura   per   carne,   latte   e   uova   derivati   da   animali   nutriti   con   OGM. Questi   prodotti   vengono   quindi   usati   dalle   multinazionali   come   cavalli   di Troia   per   imporre   gli   OGM   ai   consumatori   che   li stanno   boicottando.   Gran   parte   dei   mangimi   utilizzati   negli   allevamenti   italiani   sono   prodotti   con   soia   e   mais   OGM, importati da Stati Unit i , Canada e America Latina. L'Italia infatti produce solo l'8% della soia che utilizza. -   Il   12   Giugno   il   Consiglio   dei   Ministri   dell’Agricoltura   dell’Unione   Europea   approva   il   nuovo   regolamento   per   i   prodotti biologici   che   ammette   una   soglia   di   tolleranza   per   eventuali   contaminazioni   OGM   fino   allo   0,9%,   senza   l’obbligo   di dichiararlo    in    etichetta,    come    già    previsto    dal    2003    per    i    prodotti    convenzionali.    L’entrata    in    vigore    del    nuovo regolamento   è   stabilita   per   il   1   gennaio   2009.   Gli   alimenti   biologici   potranno   dunque   continuare   ad   essere   etichettati come   tali   anche   se   contaminati   da   materiale   transgenico.   Votano   contro   questo   regolamento   Italia,   Grecia,   Belgio   e Ungheria. -   Scienziati   indipendenti   di   sei   Paesi   e   alcuni   membri   del   Parlamento   Europeo   si   incontrano   il   12   giugno   a   Bruxelles,   al Parlamento   Europeo,   per   proporre   un'Europa   libera   da   colture   geneticamente   modificate.   L'incontro,   (organizzato dall'Istituto   per   la   Scienza   e   la   Società   (ISIS)   di   Londra,   UK,   la   Rete   del   Terzo   Mondo   (TWN)   e   la   Rete   Verde   (GN), ospitati    dal    vicepresidente    della    Commissione    per    l'Agricoltura    e    Sviluppo    Rurale    per    l'Unione    Europea,    Janusz Wojciechowski)   ha   coinciso   con   la   pubblicazione   di   nuovi   e   importanti   lavori   scientifici.   Le   pubblicazioni   sono   state presentate   all'incontro   insieme   ad   un   dossier   complessivo   di   oltre   160   articoli,   ampiamente   citati   dalla   rivista   scientifica “Science   in   Society”,   che   documentano   rischi,   frode   scientifica,   falsità   dei   responsabili   e   violazione   dei   diritti   degli agricoltori.   Gli   interventi   dei   partecipanti   hanno   messo   in   evidenza   come   i   responsabili   nazionali   ed   internazionali, complici   dell’industria   biotech,   hanno   ignorato   le   prove   schiaccianti   della   pericolosità   degli   alimenti   OGM   presentate dagli   scienziati   indipendenti.   Durante   questo   incontro   la   Dr.   Mae-Wan   Ho,   direttore   dell'ISIS   ha   tracciato   in   grandi   linee il   quadro   delle   ragioni   per   cui   il   mondo   deve   essere   libero   dagli   OGM.   Il   suo   principale   messaggio   è   stato:   “Gli   OGM non   sono   solo   una   minaccia   per   la   salute   e   l'ambiente,   essi   danneggeranno   gravemente   le   nostre   opportunità   di sopravvivere   al   riscaldamento   globale.   Le   colture   OGM   hanno   bisogno   di   più   combustibili   fossili   e   acqua   per   crescere, entrambi   in   rapida   diminuzione.   L'Europa   non   può   più   permettersi   di   sprecare   altro   tempo   e   risorse   sugli   OGM,   ora deve,   invece,   cominciare   a   investire   in   cibo   e   sistemi   d'energia   sostenibili.   Dopo   30   anni   di   OGM,   non   c'è   stato   un aumento   di   produzione,   nessuna   riduzione   in   pesticidi,   mentre   lo   svuotamento   delle   foreste   che   continua   per   fare   posto alle   colture   OGM   ora   include   anche   quelle   per   produrre   biocarburanti. Al   di   sopra   di   tutto,   in   India,   tra   il   1993   ed   il   2003, 100.000   agricoltori   si   sono   uccisi,   in   concomitanza   con   l'introduzione   di   colture   OGM   e   da   allora   ci   sono   stati   altri 16.000 morti all'anno. Gli OGM sono un crimine contro l'umanità.” 2009 Il   1°   gennaio   entra   in   vigore   il   nuovo   Regolamento   europeo   834/2007   sulla   produzione   biologica   e   sull’etichettatura   dei prodotti    biologici,    approvato    il    12    Giugno    2007    (vedi    sopra)    dal    Consiglio    dei    Ministri    dell’Agricoltura    dell’Unione Europea,   che   prevede   che   nei   prodotti   biologici   ci   possano   essere   contaminazioni   accidentali   di   OGM.   È   evidente   che la   tolleranza   di   OGM   negli   alimenti   biologici   è   una   contraddizione   in   quanto,   per   sua   natura,   il   prodotto   biologico   non può   contenere   OGM.   Inoltre   le   nuove   norme   privano   i   cittadini   della   libertà   di   scegliere   di   non   mangiare   OGM   che rappresenta   un   diritto   prioritario   e   irrinunciabile.   La   tolleranza   di   OGM   nei   prodotti   biologici,   rende   possibili   e   "legali" inquinamenti   generalizzati   degli   alimenti,   aprendo   quindi   la   strada   all'introduzione   delle   coltivazioni   OGM   in   campo aperto. In   seguito   all'entrata   in   vigore   del   nuovo   Regolamento   Europeo   sui   prodotti   biologici,   l’Associazione   S.U.M.   ha   lanciato la Campagna "PUGLIA LIBERA DA OGM". Alla   campagna   aderiscono,   con   delibera,   oltre   al   Comune   di   Lecce   che   la   promuove   insieme   all’Associazione   SUM,   altri sessanta comuni della Provincia di Lecce, vari enti e associazioni e migliaia di cittadini.   2010 Il   12   marzo   la   Commissione   Europea   pone   fine,   dopo   dodici   anni,   alla   moratoria   sulla   coltivazione   di   piante   OGM   in Europa,   autorizzando   (oltre   alla   commercializzazione   di   altri   tre   mais   OGM   destinati   all'alimentazione   umana   e   animale) la   coltivazione   della   patata   transgenica Amflora,   prodotta   dalla   BASF,   leader   dell’industria   chimica   tedesca.   La   patata   è stata   modificata   geneticamente   per   ottenere   una   maggiore   resa   nella   produzione   di   amido   ed   è   stata   autorizzata   per uso   industriale,   per   l'alimentazione   animale   e   come   fertilizzante.   Nel   suo   DNA   è   stato   inserito   un   gene   che   conferisce   la resistenza   ad   alcuni   antibiotici;   per   questo   motivo,   sin   dal   1998   la   patata   Amflora   è   stata   al   centro   di   una   controversia fra   l’EFSA   (Autorità   Europea   per   la   Sicurezza   Alimentare)   che   ha   dato   il   suo   via   libera   “tecnico”,   e   le   due   autorità sanitarie,   europea   e   mondiale,   l’EMEA   (Agenzia   Europea   del   Farmaco)   e   l’Organizzazione   Mondiale   della   Sanità.   Con l’autorizzazione   della   patata   Amflora   è   stato   violato   non   solo   il   principio   di   precauzione   nei   confronti   delle   colture geneticamente    modificate,    che    aveva    motivato    la    moratoria,    ma    anche    la    direttiva    Ue    2001/18    che    proibisce espressamente l'autorizzazione per gli OGM che contengono geni di resistenza agli antibiotici. Il   quotidiano   francese   Le   Monde    pubblica   alcuni   dispacci   Wikileaks   sulle   “forti   pressioni   statunitensi   pro   Ogm”   perfino nei   confronti   della   Santa   Sede.   Secondo   quanto   rivelato   dal   quotidiano   francese,   l’ambasciata   americana   avrebbe   fatto pressing   sul   Vaticano   per   la   promozione   degli   organismi   geneticamente   modificati,   “insistendo   sui   benefici   economici per   gli   agricoltori   dei   paesi   in   via   di   sviluppo”,   alla   vigilia   della   settimana   di   studio   della   Pontificia   accademia   delle scienze   su   “Transgenic   Plants   for   Food   Security   in   the   Context   of   Development”.   Un   altro   dispaccio,   datato   dicembre 2007,    riportava    le    preoccupazioni    dell’ambasciatore    americano    a    Parigi,    Craig    Stapleton ,    per    i    “passi    indietro dell’Europa   sugli   Ogm”,   soprattutto   a   causa   della   “contrarietà   della   Francia”.   Unico   alleato   degli   Stati   Uniti   in   Europa sembra   essere   la   Spagna.   Un   dispaccio   pubblicato   dal   giornale   spagnolo   El   Pais    aveva   rivelato   che   il   segretario   di Stato   spagnolo   all’Ambiente, Josep   Puxeu ,   aveva   chiesto   all’ambasciata   americana   di   “mantenere   la   pressione”   su Bruxelles   in   merito   agli   Ogm.   Proprio   la   Spagna,   infatti,   costituisce   il   maggior   produttore   europeo   di   mangimi   Ogm,   con 76mila ettari di terreno coltivati sui 95mila totali in Europa. In   Europa   possono   essere   coltivati   due   tipi   di   Ogm:   il   mais   Monsanto   Mon810   e   la   cosiddetta   “patata   Amflora”, approvata   nel   marzo   2010.   Nel   frattempo   dieci   altri   prodotti   hanno   già   iniziato   la   procedura   d’autorizzazione   europea, che una volta rilasciata è valida in tutti i 27 Stati Ue.   2011 Molti   Stati   europei   -   Germania,   Austria,   Ungheria,   Grecia,   Lussemburgo   e   Bulgaria   -   vietano   la   coltivazione   del   mais MON810 appellandosi alla clausola di salvaguardia. L’Ungheria   distrugge   le   coltivazioni   Ogm.   Una   normativa   chiara   e   stringente   permette   sul   suolo   ungherese   solo   prodotti non transgenici imponendo alle aziende esportatrici dei loro prodotti nel paese di certificarli come “OGM- free”. La   Codex Alimentarius   Commission,   un   gruppo   di   più   di   cento   agenzie   per   la   sicurezza   alimentare   creata   nel   1963   dalla Fao   e   dall'Organizzazione   mondiale   della   sanità,   ha   approvato   le   nuove   norme   sull’etichettatura   dei   prodotti   OGM:   uno stato   nazionale   può   scegliere   volontariamente   di   indicare   la   presenza   di   OGM   in   etichetta   per   i   prodotti   venduti all'interno   dei   propri   confini.   La   novità   sta   soprattutto   nel   fatto   che   così   facendo   non   si   andrà   incontro   a   nessun provvedimento legale dal parte dell'Organizzazione mondiale del commercio per "motivi di concorrenza commerciale". Sentenza    della    Corte    di    Giustizia    europea    sugli    OGM:    l’Italia    non    può    vietare    la    coltivazione    di    sementi    OGM autorizzate dall’Unione Europea. Le   coltivazioni   di   Ogm   sono   arrivato   ormai   a   superare   i   160   milioni   di   ettari   in   tutto   il   mondo .   Capofila   gli   Stati   Uniti con   69   milioni   di   ettari,   seguiti   da   Brasile   (30,3   milioni   di   ettari)   e Argentina   (23,7   milioni).   Flop   commerciale   degli   Ogm in   Europa:   il   dato   dell'industria   biotech   per   la   coltivazione   di   OGM   in   Europa   nel   2011   si   è   attestato   intorno   ai   114   mila ettari,   rispetto   ai   circa   179   milioni   di   ettari   di   superficie   agricola   totale   utilizzata   in   UE.   Solo   la   Spagna   –   che   da   sola coltiva   oltre   l'85   per   cento   degli   OGM   in   Europa   –   nel   2011   ha   registrato   un   incremento   nella   coltivazione,   aumentando leggermente   il   dato   complessivo   europeo   dopo   tre   anni   consecutivi   di   declino.   La   coltivazione   della   patata   resistente agli   antibiotici Amflora   è   stata   irrisoria   già   a   partire   dall'ottenimento   della   controversa   autorizzazione   nel   marzo   del   2010 – e nel 2011 è scesa sotto i venti ettari. Il   commissario   Ue   all'Agricoltura   Dacian   Ciolos,   denuncia   le   pressioni   americane   sull’Europa   per   introdurre   colture   Ogm e si dichiara certo che "i consumatori sono contrari agli organismi geneticamente”. 2012 Per   la   prima   volta   una   ricerca   scientifica   indipendente   ha   analizzato   gli   effetti   nel   lungo   periodo   degli   organismi geneticamente   modificati.   Per   il   professor   Gilles-Eric   Séralini ,   che   ha   studiato   gli   effetti   di   un   mais   transgenico,   “il   suo assorbimento   sul   lungo   periodo   agisce   come   un   potente   veleno”.   Séralini,   docente   di   biologia   molecolare   e   ricercatore presso   l’università   di   Caen ,   in   Normandia,   ha   portato   avanti   il   suo   studio   per   due   anni,   nella   più   completa   riservatezza, per   evitare   pressioni   e   boicottaggi.   La   ricerca   ha   valutato   gli   effetti   del   mais   OGM   Nk   603    (che   nell’Unione   europea   non può   essere   coltivato,   ma   solo   importato)   e   di   un   erbicida,   il   Roundup ,   il   cui   utilizzo   è   in   genere   associato   a   quel   mais transgenico.   Lo   studio   ha   evidenziato   che   i   ratti   alimentati   con   gli   Ogm   avevano   una   mortalità   di   cinque   volte   superiore rispetto   agli   altri.   In   generale   gli   animali   che   hanno   consumato   Ogm   hanno   riportato   tumori   alla   mammella   e   danni   gravi al   fegato   e   ai   reni.   In   seguito   alla   pubblicazione   dello   studio   di   Séralini,   il   Governo   francese   ha   chiesto   a   Bruxelles “misure   che   potrebbero   portare   alla   sospensione   d’urgenza   dell’autorizzazione   a   importare   il   mais   Nk   603″.   I   Verdi francesi chiedono di andare oltre e di “sospendere tutte le importazioni di Ogm nella Ue”. La   Commissione   europea,   per   voce   del   commissario   alla   Salute   John   Dalli    ha   chiesto   all’Agenzia   per   la   sicurezza alimentare ( Efsa ) di analizzare lo studio di Séralini. Secondo   il   rapporto   pubblicato   dall’ISAAA   International   Service   for   the   Acquisition   of   Agri-biotech   Applications   nel mondo   dal   1996   al   2012   si   è   passati   da   da   1,7   milioni   di   ettari   coltivati   con   OGM   a   170   milioni   di   ettari   nel   2012.   Una crescita   di   100   volte.   Sono   28   i   paesi   in   cui   si   coltivano   piante   geneticamente   modificate.   Tra   questi   paesi   20   sono paesi   in   via   di   sviluppo   mentre   8   sono   paesi   industrializzati.   Nel   2012   si   sono   aggiunti   due   nuovi   Paesi   che   hanno iniziato   a   coltivare   OGM   e   sono   il   Sudan   (cotone   Bt)   e   Cuba   (mais   Bt).   Il   Sudan   è   diventato   il   quarto   paese   in   Africa, dopo   il   Sud   Africa,   Burkina   Faso   ed   Egitto,   per   la   commercializzazione   di   una   coltura   biotech   per   un   totale   di   20.000 ettari.   A   Cuba   invece   sono   stati   seminati   3000   ettari   di   mais   Bt   sviluppato   dall’Istituto   per   Ingegneria   Genetica   e Biotecnologia   (CIGB)   dell’Avana.   Il   mais   NK603,   MON810,   MON1445   et   Bt11   e   la   soia   GTS   sono   i   più   coltivati   e   il paese   che   ha   più   colture   OGM   sono   gli   Stati   Uniti   seguito   dal   Brasile,   mentre   in   Canada   cresce   la   superficie   coltivata   a canola.   In   Europa   si   coltiva   in   Spagna,   Portogallo,   Repubblica   Ceca,   Slovacchia   e   Romania.   Il   2012   è   stato   un   anno record   per   l'incremento   delle   superfici   di   OGM   a   livello   mondiale.   ISAA   (International   Service   for   the Acquisition   of Agri- Biotech Applications)   ha   presentato   il   suo   studio   annuale   di   colture   OGM   in   tutto   il   mondo.   Nel   2012   ben   170,3   milioni   di ettari   sono   risultati   coltivati   con   colture   OGM,   con   un   incremento   di   10,3   milioni   di   ettari   rispetto   al   2011.   Più   della   metà delle   superfici   (52%)   si   trovano   nei   Paesi   in   via   di   sviluppo.   Il   Brasile   (36,6   milioni   di   ettari)   è   il   numero   2   al   mondo   dopo gli   Stati   Uniti   (69,5   milioni)   e   rappresenta   il   21%   del   totale   mondiale.   L'India   ha   10.800.000   ettari,   4.000.000   la   Cina, Argentina   e   Sudafrica   78,2   milioni   di   ettari.   Il   continente   africano   registra   un   aumento   del   26%,   attestandosi   a   2,9 milioni di ettari. Dopo Sudafrica, Egitto e Burkina Faso, anche il Sudan è partito con le prime piantagioni OGM:
OGM
Associazione SUM Stati/Popoli Uniti del Mondo
Associazione S.U.M. - Stati/Popoli Uniti del Mondo - Casella Postale n° 4 - 73024  Maglie  (Le) -Tel. e fax 0836/484851